Chi sono


Simone Baldelli, classe 1972, laurea in Scienze Politiche, giornalista, vignettista satirico, docente di Diritto Parlamentare a contratto.
È stato collaboratore parlamentare, consigliere regionale e leader del movimento giovanile di Forza Italia. Deputato dal 2006, è stato per anni Vicepresidente con delega d’Aula del suo Gruppo parlamentare. Nel settembre 2013 è stato eletto Vicepresidente della Camera dei Deputati. Oltre all’attività politica e parlamentare, a cui si dedica sostanzialmente a tempo pieno, realizza anche produzioni artistiche in ambito fotografico, musicale, pittorico e teatrale.

Studi e formazione

Classe 1972, maturità classica presso il liceo salesiano del “Sacro Cuore” di Roma, laurea in scienze politiche, giornalista, vignettista satirico, con la passione per le imitazioni, la pittura, la fotografia, la musica e lo sport, inizia sin da giovanissimo il suo impegno civico e la sua militanza nel Movimento Giovanile Socialista.
Negli anni 1992 e 1993 frequenta la scuola di formazione quadri “Walter Tobagi ” del partito socialista italiano.

I primi anni di impegno civico

Tra il 1994 e il 1995 ricopre l’incarico elettivo di componente del Consiglio Nazionale del Partito Radicale Italia/Club Pannella – Riformatori.
Nel 1995 fonda il comitato Generazione per la Riforma Liberale, costola giovanile della Convenzione per la Riforma Liberale, associazione culturale e politica, che ha visto tra i suoi protagonisti esponenti di spicco del mondo della cultura liberale e riformista, come Lucio Colletti, Piero Melograni, don Gianni Baget Bozzo ed altri.
Lavora come responsabile della segreteria particolare della Presidenza della Commissione Parlamentare di Vigilanza Rai (XII Legislatura) e della segreteria particolare della Presidenza della Giunta delle elezioni presso la Camera dei deputati (XIII Legislatura).

Primo coordinatore eletto di Forza Italia Giovani

Nel 1997 diviene componente della commissione nazionale per la stesura del regolamento interno del movimento giovanile di Forza Italia, del quale assume prima l’incarico di dirigente nazionale del settore comunicazione e, successivamente, di vice coordinatore nazionale e responsabile del settore organizzazione. Nel corso del primo congresso nazionale di Forza Italia Giovani, tenutosi presso l’Auditorium del Massimo di Roma l’11-12 dicembre 1999, Simone Baldelli viene eletto Coordinatore nazionale.

Sotto la sua guida, Forza Italia Giovani introduce nel dibattito politico italiano la cosiddetta “questione generazionale” (sino ad allora evocata solo a livello giornalistico da rari interventi), sul piano organizzativo si struttura nelle scuole e nelle università, attraverso la creazione di due movimenti studenteschi (Alternativa Studentesca e Studenti per le Libertà), e percorre con successo tutte le tappe di ammissione nello YEPP (il movimento giovanile del PPE). Forza Italia Giovani, inoltre, è il primo movimento politico giovanile in Italia ad aprire un proprio sito internet ufficiale.
Nel 2000, a 27 anni, diviene il più giovane consigliere regionale del Lazio mai eletto prima.
Nel corso del II Congresso di Forza Italia, tenutosi ad Assago dal 27 al 29 maggio 2004, viene eletto membro del Comitato di Presidenza di Forza Italia, organismo del quale Í stato il più giovane esponente.
Dal 10 dicembre 2010 è cittadino onorario del comune di Porto San Giorgio (FM).

La passione per la satira

Dal 1995 al 2000 collabora come opinionista e vignettista satirico con il quotidiano “L’Opinione” e con altre testate. In ambito artistico, nel dicembre del 2001, presso il teatro Ennio Flajano di Roma, interpreta, con la conduzione di Arturo Diaconale, la regia di Federico Lampredi e l’accompagnamento musicale di Domenico Severino, un “one man show” di satira politica con imitazioni, vignette, poesie in dialetto romanesco e canzoni con testo riadattato.
Nel 2009 inventa e realizza una performance di imitazioni con un video satirico, nel quale, grazie al trucco di esperti professionisti, ripercorre lo schema dell’intervista “tripla” del programma ”Le Iene”, interpretando la parodia di tre esponenti di spicco del PdL: Fabrizio Cicchitto, Giulio Tremonti e Sandro Bondi.

 

Nel 2013 realizza un video con la parodia della neo presidente della Camera, Laura Boldrini.

A marzo del 2015 pubblica un libro di vignette intitolato “Stai sereno! Mica tanto…”, la cui presentazione diventa un vero e proprio show di satira politica, in cui oltre al commento delle vignette, viene messa in scena la parodia di noti personaggi della politica e del giornalismo, come Paolo Del Debbio.

L’ingresso alla Camera dei Deputati

Nell’aprile 2006 è eletto alla Camera nelle liste di Forza Italia della circoscrizione Marche (XV Legislatura), divenendo componente del direttivo del gruppo parlamentare Forza Italia, con delega d’Aula, e dell’XI Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato) di Montecitorio.
Nel 2007 è tra gli autori del manuale di politica tascabile “Giù le mani dalla Legge Biagi – Il Libro Bianco del lavoro in difesa dei giovani e dei non garantiti” a cura di Renato Brunetta, edito dal quotidiano Il Giornale.
Nell’aprile 2008 è nuovamente eletto con la lista del Popolo della Libertà nella medesima circoscrizione (XVI Legislatura). Nel maggio 2008 assume l’incarico di vicepresidente con delega all’Aula del Gruppo parlamentare del Popolo della Libertà della Camera dei Deputati.
Nel febbraio del 2013 viene rieletto, sempre nella circoscrizione Marche, alla guida della lista del Popolo della Libertà per la Camera (XVII Legislatura); e il 19 marzo 2013 è riconfermato vicepresidente del gruppo PdL, con delega d’Aula.
Il 10 dicembre 2010 è insignito della cittadinanza onoraria dal comune di Porto San Giorgio (FM).

Pittura e fotografia

Dal 2010 partecipa a diverse mostre di pittura collettive e nel marzo 2011 realizza una esposizione personale di suoi lavori dipinti su plexiglass presso lo spazio Extra di Roma.
Nell’ottobre del 2012 realizza, produce e presenta al pubblico un libro fotografico dal titolo “Centoserrande”, che, insieme al relativo sito (www.centoserrande.it) pubblicizza e rilancia la tendenza artistica urbana della pittura delle serrande.
Dal 12 al 28 luglio 2013 realizza una sua mostra personale di lavori in plexiglass, dal titolo “Burning Edge”, nel ciclo di eventi del Ravello Festival 2013.

L’elezione a Vice Presidente della Camera dei Deputati

Il 25 settembre 2013 viene eletto, con 274 voti, vicepresidente della Camera dei Deputati.

Esperto di procedure, docente a contratto di diritto parlamentare, è tra i protagonisti del lavoro d’Aula della Camera dei Deputati negli ultimi anni. Su questo tema nel 2012 pubblica un libro dal titolo: “W Montecitorio! Guida pratica ai misteri dell’Aula della Camera” (Rubbettino Editore), che nel settembre 2013 ottiene la segnalazione speciale della giuria della XXVII edizione del premio letterario ‘Procida – Isola di Arturo – Elsa Morante’.

Nel luglio 2016 pubblica in e-book “The Italian Whip” (Rubbettino Editore), versione in inglese di “W Montecitorio!”, con prefazione di Silvio Berlusconi.

Il 1º settembre 2016 riceve da Confartigianato Motori il premio “Dalla parte dei cittadini” per le battaglie promosse in Parlamento in difesa dei diritti dei cittadini-automobilisti e per il rispetto del Codice della Strada anche da parte delle pubbliche amministrazioni, in particolare contro l’utilizzo distorto degli autovelox.

Nel settembre 2016 promuove una risoluzione, approvata all’unanimità da tutte le forze politiche, che impegna il Governo a destinare 47 milioni di euro di tagli e risparmi, realizzati dalla Camera nella gestione annuale, agli interventi in favore delle popolazioni del centro Italia colpite dal terremoto.

Il 26 ottobre 2016 riceve il premio “Onorevole Consumatore” da Rete Consumatori per le iniziative realizzate come parlamentare in difesa dei consumatori, in particolare su temi caldi come le maxibollette di luce, acqua e gas.

chiudi

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti. Se continui a navigare in questo sito acconsenti all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui.